Ganoderma lucidum

Divisione: Basidiomycota
Ordine: Polyporales
Gambo: Quasi sempre eccentrico, con colore al cappello o più scuro
Cappello: Del diametro fino a 15 cm, circolare, reniforme o a ventaglio
Lamelle/tubuli: Corti, alti 10-20 mm, bianchi e poi giallastri
Spore: Brunastre in massa
Carne: Elastica, poi coriacea, legnosa ma non troppo
Habitat: Fungo saprofita, cresce in primavera inoltrata, estate ed autunno, su ceppi di latifoglie
Sostanze Attive: Ferro, Zinco , Rame , Manganese n Magnesio , Potassio , Calcio , Germanio, Vitamine B(Folina) , polisaccaridi ( Glucosio Galattosio mannosio , xilosio , fucosio), Steroli precursori ormonali, Adenosina, Triterpeni, Acido Lucidenico, Acido Ganodermico , Acido Genolucido
Indicazioni: Insonnia , Stanchezza ; Disturbi Altitudinali , Miotonia distrofica , Problemi Cardiovascolari, Aritmia , Dispnea , Precordialgie, Palpitazioni , Allergia , Eczema, Ama , Intolleranze alimentari , Problemi Broncopolmonari, Tracheite , Bronchite cronica, Bronchite asmatiforme , Stipsi, Epatite A,B,C, Steatosi Epatica, Carcinoma nasofaringeo, Leucemia mieloide acuta leucopenia , mononucleosi infettiva, Artrite reumatoide , Effetti collaterali chemio-radioterapia

Descrizione

Ganoderma lucidum è stato uso dal 4 ° secolo D.C. ed è ben noto in Cina come l’erba della longevità . Ganoderma è un famoso tonico ed ha trovato un posto importante nella medicina cinese per i suoi effetti benefici su tutti i visceri e la non tossicità naturale ( Liu GT, 1999) . Alcuni  ricercatori hanno scoperto che i polisaccaridi di Ganoderma lucidum ( Gl – PS ) dose-dipendenti hanno  abbassato i livelli sierici di  glucosio dopo somministrazione a topi.

Azioni su metabolismo glicidico

I polisaccaridi di  Ganoderma lucidum ( Gl -PS ) possiedono effetti  ipoglicemizzanti su topi normali, un meccanismo è attraverso il rilascio di  attività insulinica da facilitazione di immissione di Ca2+  alle beta cellule pancreatiche ( Zhang HN, Lin ZB, 2004). Ganoderan A e B, glucani dal corpo fruttifero del Ganoderma lucidum (Hikino H.et alii, 1985) mostrano effetti ipoglicemici in diversi test e migliorano i sintomi del diabete. 71 pazienti con diabete tipo 2 confermato, sono stati trattati con una frazione polisaccaridica di G. lucidum (Ganopoly, 1800 mg tre volte al dì per 12 giorni): Alla 12 esima settimana lo zucchero post  prandiale di media si è ridotto di 11.8 mmol (l-1) nel gruppo Ganopoly con significativa differenza rispetto al gruppo placebo (Gao Y. et alii, 2004).  Il micelio di cultura sommersa ed il brodo di Grifola frondosa  hanno mostrato di contenere componenti bioattivi per  innalzare la risposta glicemica, come nel decrescere dei trigliceridi sierici , fruttosamina, e  concentrazione di glucosio sanguigno nei ratti maschi Wistar a cui era stata somministrata  nicotinamide oltre alla STZ per indurre il diabete (Lo et al 2008). Uno studio simile con Ganoderma lucidum  fu  riportato con effetti insieme ipoglicemici ed anti-iperglicemici in ratti  Wistar (Mohammed et al., 2007).  I polisaccaridi di Ganoderma lucidum  hanno anche  mostrato un significativo incremento e dose –dipendente di  antiossidanti non-enzimatici ed enzimatici, livelli sierici di insulina e di ridurre la pe ossidazione lipidica ed i livelli sanguigni di zucchero ei ratti diabetici STZ-indotti (Jia et al., 2009).