Hericium Erinaceus

Divisione: Basidiomycota
Ordine: Russulales
Gambo:
Cappello: 30 cm
Lamelle/tubuli: lunghi 3-5 cm
Spore: nere in massa
Carne:
Habitat: si sviluppa maggiormente su alberi di quercia ancora vivi
Sostanze Attive: Potassio , Zinco, Ferro, Germanio ,Selenio e Fosforo
Indicazioni: Gastrite, Reflusso gastroesofageo, Disbiosi Intestinale, Ulcera gastrica e Duodenale, Allergie ed
Intolleranze alimentari, Sindrome dell’intestino Poroso, Infiammazione delle mucose, Rettocolite ulcerosa, Deficit
immunologico, Cancro allo stomaco , Esofago e Colon Retto, Catarri bronchiali, Stress, Insonnia, Deficit mnemonico,
Depressione , Ansia, Morbo di Alzheimer , Sclerosi Multipla.

Descrizione

Hericium (chiamato Mane funghi del Leone, barbuto Tooth Fungo, fungo Hedgehog, Barba del Satiro, barbuto Hedgehog Fungo, fungo pom pom, o Bearded Tooth Fungus anche) è un fungo commestibile  originario del Nord America , Europa e Asia e può essere identificato con la sua tendenza a crescere tutte le spine fuori da un gruppo (piuttosto che filiali), lunghe spine (maggiore di 1 cm di lunghezza) e la sua comparsa su legni duri. Gli Hericium possono essere scambiati per altre specie di Hericium , tutte commestibili popolari, che si sviluppano attraverso la stessa gamma. In natura, questi funghi sono comuni durante la tarda estate e l’autunno su legni duri, in particolare faggio americano .

Azioni su metabolismo glicidico (Boll. )

Hericium erinaceus è chiamato per la sua forma, ed è letteralmente interpretato come –Fungo testa di scimmia- in Cina. Recenti studi hanno determinato che molti tipi di funghi  (es. Hericium spp ), possono avere importanti funzioni fisiologiche negli esseri umani, tra cui attività antiossidanti, la regolazione dei livelli di lipidi nel sangue e la riduzione dei livelli di glucosio nel sangue (Wang JC, et alii, 2005). I ricercatori hanno scoperto gli effetti ipoglicemizzanti nell’ alimentare con  estratto  metabolico  di H. erinaceus, ratti con  diabete indotto da streptozotocina, che avevano livelli significativamente più bassi di elevazione di glucosio nel sangue ( Wang JC, et alii, 2005).