Privacy Policy micomedicina, Autore a Micomedicina

Fungi officinalis Project

Fungi officinalis project-description

” Let food be thy medicine and medicine be thy food.”

                           Hippocrates (460 B.C.)  
Summary                                            
               According to Hippocrates, the spiritual father of every doctor, food should be our main medicine. However, global warming, pollution with soil impoverishment and overpopulated world forced mass food production. This process leads to nutritional deficiencies and junk food rich in saturated fats and carbohydrates, good for energy supply only;  that is often a source of disease both when there is enough and even more when there is a shortage. It is not by chance to believe that almost all tumors originate from epigenetics, i.e. they are due to the two environmental factors mentioned: pollution and bad/insufficient nutrition. The individual factor or so-called “lifestyle” (for instance smoking) is an additional cause. Therefore, as doctors we cannot follow the Hippocratic dictates on food, not being able to arrange prevention for a healthy diet, often expensive, treating most (avoidable) diseases such as chronic ones and many neoplasias only at the end when these occur, through necessary and expensive chemotherapy drugs, with highly relevant social economic and personal costs. Unfortunately, culturally and economically our societies base oneself on disease and not on health, with the interested approval and media support by Big Pharma. The economic and social Elites are well aware of this and it is no coincidence that the Healthy Diet with Medicinal Mushrooms (M.M.) is currently exclusive to wealthy and cultured people. Medicinal Mushrooms so called also Chinese mushrooms as Shiitake, Maitake, Ganoderma etc, are some species of mushrooms, used in feeding by Chinese immigrant in US (from which the name) and traditional in oriental diet, with hystorical or scientifical evidences of health and pharmacological actions. Unfortunately, knowledge and culinary tradition, frequently in addition to the money, is not for all. Is a scientific evidence that in recent decades polluted and low nutrient food, are among the major causes of the exponential growth of chronic diseases and cancer in the most developed countries as well as in the poorer ones called “in developing countries”. In fact in those countries, in addition to the economic impossibility of accessing healthy and sufficient food and to the medical treatments and prevention programs, there is a so high level of soil, atmospheric and water wasting, that we are witnessing to a great cancer epidemic in younger people (Report “Global cancer statistics 2020WHO).
               The connection food-pollution-cancer put together rich and poor countries, old rich and young poor people, the whole world. The association feeding with mushrooms=healthy is tightly connected to the mass presence inside the fruit body (cell wall) of branched-chain Polisaccarydes and Proteoglycan with unique and relevant immunomodulation action basic in prevention throught feeding (Immunocompetence). But the action against cancer/degenerative diseases is synergistic, needs more in quantity and quality and involves a lot of other actors presents (but in few quantities) only in mushrooms, like Ergothioneine, Ergosterol, Vitamin D2, trace elements and minerals (Selenium, Germanium etc). Those molecules are subject of the enrichment method “Fungi officinalis” ® (see later) together to others like alkaloids terpenoids vitamins etc etc. already present in the 20 species of Medicinal Mushrooms (MM) selected by the method.
               In short, the problem seems only technical: find a new cultivation method for a new product: a nutraceutical at the same time nutrition as a pharmacological action. Nevertheless, things are not quite like this, the problem is “Philosophical” and regards how we face Nature or Gaia from Lovelock hypothesis (1996) of a living Earth. If as a species want to dominate the Nature  (this Era is called Anthropocene rightly for impact), we are seeing the results with Global Warming, Cancer by polluted environment and Covid Pandemic; at the opposite we have to accept changing and the evidence that we cannot win this challenge in competitive terms. Respecting our biological limits but trying to prevent by reducing the environmental impact both individual and collective, doing the right thing: consume less and consume the right, improving quality and eco-sustainability. Let us take example from mushrooms that feed on and through waste with excellent energy balance, recreating themselves and all living beings at no cost. From technical point of view, we have all the possibilities, what we lack is the philosophical approach that we must borrow from the fungal symbiosis, that I believe have found in “Fungi officinalis project”.   
Furthermore, it was not ethically acceptable for a doctor like me, at the beginning of this story, that cancer is only a question of money and information (denied).   
              

MICOMEDICINA, FUNGHI OFFICINALI E PATOLOGIE AMBIENTALI

Micomedicina è sinonimo di cura dell’uomo “attraverso” i Funghi Officinali ®. I Funghi officinali ® sono 20 specie di funghi coltivabili ottenuti secondo un Metodo Chimico-Fisico brevettato in tutto il mondo dalla Soc. Startup Fungi officinalis Srl ®, con il quale si riesce a innalzare e standardizzare la concentrazione in nutrienti (metaboliti attivi) contro le malattie a carattere ambientale come quelle cronico-degenerative, rare e fino al cancro, creando un vero e proprio Superfungo. “Attraverso” nella Micomedicina significa anche prendere a modello il modo di comportarsi dei funghi in rapporto alla stretta connessione (simbiosi) con il mondo delle piante di cui sono partner obbligatori ai fini del nutrimento e della difesa contro le malattie. In analogia si ritiene che ciò possa avvenire all’interno del corpo umano per l’attività del Sistema Immunitario e del Ricambio Cellulare, dove c’è bisogno di un alimento funzionale come i Funghi Officinali che nutra e allo stesso tempo curi. Più in generale i Funghi sono indispensabili negli equilibri ambientali, sia macro che microscopici, alla base del mantenimento della vita nel nostro pianeta e di tutti gli organismi in esso contenuti.

FUNGHI E CANCRO ALLA PROSTATA

Revisione analitica degli studi in prospettiva d’uso dei FUNGI OFFICINALIS  

Foto di Hericium erinaceus (officinalis) consigliato da fungi officinalis e MTC x la prostata – gentile concessione della Funghi San Giorgio

Ci sono evidenze scientifiche sia in vivo che in vitro che i funghi hanno capacità di prevenire il cancro alla prostata, attualmente abbiamo anche evidenze cliniche ed epidemiologiche sull’uomo che ribadiscono con forza questo assioma ovvero che l’assunzione dei funghi (vedi articoli allegati 1-2) sia come alimento (1-S. Zhang et alii :” Mushroom consuption  and incident risk of prostate cancer in Japan: a pooled analysis of the Miyagi Cohort Study and the Ohsaki Cohort Study”; Int. Jou. of Cancer 2020) che come integratore (2-P.Twardowski et alii : “A phase I trial of mushroom powder in patients with biochemically recurrent prostet cancer: roles of cytokines and myeloid-derived suppressor cells (MDSCs) for Agaricus bisporus induced PSA responses”; Cancer 2015), non solo determinano una riduzione del rischio in base alla quantità settimanale consumata e correlata all’età, maggiore dopo i 50 aa (1); ma sono utili per impedire le recidive (2), quindi a scopo terapeutico come estratto, diminuendo sia il PSA che i fattori di immunosoppressione. L’estrema importanza ed autorevolezza di questi studi, stride con il silenzio con il quale vengono accolti dalla classe medica e dai media di molti paesi al mondo compreso il nostro, e ciò fa amaramente riflettere.

Maggiori informazioni

Ambiente, Immunità e Coronavirus: Ruolo della Micomedicina

Riassunto: Una carrellata scientifica su quanto risulta possano incidere i cambiamenti climatici uomo-indotti  sull’attuale recrudescenza epidemica del Covid-19 e sulle connessioni con la risposta immunitaria delle popolazioni. Per ultimo due presidi fondamentali della Micomedicina contro il Covid-19: Cordyceps militariis e sinensis  e Fomitopsis officinalis

Cambiamento climatico, ma anche deforestazione, pratiche agricole senza regole, allevamenti intensivi, perdita della biodiversità. E su tutti, la globalizzazione. Di questo, ed altro, è figlio il SARS-Cov2 o Covid-19. Un collegamento, apparentemente difficile da capire, ma lo possiamo invece intuire secondo  l’ipotesi più accreditata (il salto di specie all’uomo dal virus proveniente dai  pipistrelli passando per qualche animale intermedio); secondo questa ipotesi si è trattato di una catena di eventi inizialmente rari, che si sono poi amplificati ed espansi in modo esponenziale favoriti  proprio dai cambiamenti climatici e da situazioni conseguenziali ed innaturali fonte di reiterati contatti pipistrello-animale—uomo anche connessi all’uso alimentare o altro. Se guardiamo alle malattie infettive emergenti negli ultimi 70-80 anni usando ad esempio modelli di distribuzione spaziale, il rischio più elevato è nelle aree ad elevata biodiversità ma in cui vi sia anche una elevata densità di popolazione con crescente consumo di territorio ed elevati livelli di inquinamento.

Maggiori informazioni

MICOMEDICINA E CORONAVIRUS II: NATURA, INCIDENTE O ARMA?

“Un lato positivo, forse l’unico in questa immane tragedia, rimane il fatto di aver riassaporato la primavera, attraverso i suoi alberi in fiore, segno del tempo che passa nonostante questo strano inverno/non-inverno e della Natura, della Vita che riprende come sempre il suo ciclo e alla fine rifiorisce come un giorno noi rifioriremo.” M. Bagnato Aprile 2020

Dopo la parentesi poetica, continuiamo la nostra disamina sulle origini del Coronavirus (argomento del giorno) che potrebbe rappresentare comunque un segno, come tanti altri che la Madre Terra ci sta dando: ovvero che siamo troppi e siamo stati troppo invadenti, addirittura ci cibiamo di pipistrelli (animale repellente anche perché si nutre di insetti notoriamente portatori di malattie e virus, ma per alcuni gli insetti sono cibo) e/o ne siamo così a contatto avendo alterato l’ambiente di vita (facendolo sloggiare persino dalle caverne), nel continuare a perseguire l’obiettivo di una sistematica distruzione di habitat e foreste a vantaggio del profitto. Questa è la narrazione “Politically Correct” o “Greta Like” che va per la maggiore, per molti versi condivisibile, ma vale anche nel caso dell’attuale pandemia? In fondo è la Natura che si ribella, ovvero uno dei tanti aspetti del  “Global Warming” o c’è dell’altro?. Cerchiamo di fare un po’ di chiarezza, secondo i paradigmi della Micomedicina: che mette insieme la teoria della medicina olistica della simbiosi integrata insieme all’ evidenza scientifica. La Micomedicina considera la causa di tutti i problemi dei e fra gli esseri viventi,  l’alterazione del rapporto dell’uomo con l’ambiente che lo circonda nel senso dell’ eccessivo sfruttamento delle risorse, con la perdita alfine dei rapporti simbiotici che regolano le varie catene biologiche alimentari o cicli nutrizionali.

Maggiori informazioni