Privacy Policy

Tumori dell’infanzia: triste record mondiale dell’Italia

Tumori dell’infanzia: triste record mondiale dell’Italia
Materiale editoriale – Descrizione e modalità di aggiornamento

Il problema delle polveri sottili in eccesso nell’aria non riguarda più soltanto i grandi centri urbani. Sono 44 le città italiane con più di 35 giorni l’anno di superamento delle soglie di concentrazione nell’aria di PM10, ozono e altre molecole generate dalla combustione di derivati del petrolio. In testa alla classifica delle città più inquinate ci sono Torino, 118 giorni, poi Milano, 103 e Verona (98). Gli effetti di questi dati si riscontrano in molti studi, particolarmente rilevanti sono i danni subiti dai bambini. Secondo l’Oms, organizzazione mondiale della sanità, l’Italia è il paese al mondo con la maggior incidenza di tumori dell’infanzia, con 175 casi all’anno per milione di abitanti tra 0 e 14 anni. Seguono gli Stati Uniti con 158, Germania con 141 e Francia con 138. La distanza dell’Italia dagli altri paesi, già notevole, è destinata a crescere perché siamo anche la nazione in cui l’incremento è più intenso.
Spiega Franco Scicchitano, presidente della Commissione ambiente dell’ordine nazionale dei biologi: «Centomila sostanze di sintesi potenzialmente cancerogene sono registrate nella sola EU, ma i composti immessi dall’uomo nell’ambiente si contano a milioni. Sconosciuti gli effetti sulla salute per quasi tutti. Manca la ricerca sugli effetti cocktail delle sostanze. Ancora, gli attuali test sulla tossicità raramente includono le funzioni neurocomportamentali. Ed è proprio su questo aspetto che sta emergendo un ulteriore problema causato dall´inquinamento ambientale, la pandemia silente di disturbi mentali infantili».
«Ad esempio – conclude Scicchitano – per alcune forme di autismo e di ritardo mentale è ben chiara la relazione con l´esposizione fetale e nella prima infanzia ad alcuni composti chimici industriali dispersi nell’ambiente. Ma la ricerca scientifica sta anche dimostrando che il mercurio, a bassi livelli di esposizione, può avere effetti sub-clinici, ma tangibili, come una diminuita intelligenza, deficit di attenzione, di coordinazione motoria e aumentata aggressività, con problemi a scuola e diminuita produttività economica da adulti».

Rispondi